Diese Seite gehört nicht zum Angebot von Babbel und ist kein Teil von www.babbel.com. Bitte beachte das Impressum und die Datenschutzerklärung.

Forum

Italiano

Studiare l'italiano esercizi


Beiträge
GinaR
16.05.2020, 13:43 (Überarbeitet 16.05.2020, 13:44)
Andrea, hai ragione, non sbagli. Mio marito non può più bere del vino piemontese quando vuole. E non offre più il "suo vino" agli ospiti. Devono bere il vino che altri lo hanno regalato una volta.
Adesso " il suo vino" è un tesoro e appartiene solo a lui.
Non c'è bisogno di andare in un copyshop, gli insegnanti stamperebbero i compiti per gli alunni. La strega dovrebbe solo andare a scuola per prenderli. Ma lei è ancora troppo pigra per fare questo.
Non vale la pena pensandoci. Almeno non ho dovuto vederla. Meno male. Devo fare lo stesso anche il prossimo venerdi e il venerdi dopo.
marco1818
16.05.2020, 16:01
Per Andrea
Regina, il vino  non durERA'' finO al prossimo anno , vero? Kurt, invece   , non resistera' a berne una  bottiglia la sera
O sbaglio?
Non c'' è' un copyshop nella citta' dove abita la strega?
Non va che faccia tu IL LAVORO AL POSTO LORO PER TUTTA LA VITA

Per Regina
Andrea, hai ragione, non sbagli. Mio marito non può più bere del  vino piemontese quando vuole. E non offre più il "suo vino" agli ospiti. Devono bere il vino che altri GLI hanno regalato una volta. (meglio: tempo fa)
Adesso " il suo vino" è un tesoro e appartiene solo a lui.
Non c'è bisogno di andare in un copyshop, gli insegnanti POSSONO (TRANQUILLAMENTE) STAMPARE i compiti per gli alunni. La strega dovrebbe solo andare a scuola per prenderli. Ma lei è FIN troppo pigra per fare questo.
Non vale la pena DI PENSARCI. Almeno non ho dovuto vederla. Meno male. Devo fare lo stesso anche il prossimo venerdi e il venerdi dopo

Oe' Andrea e i santi del gelo? Mi hai lasciato a bocca asciutta jajajaja..
La strega non si smentisce mai, purtroppo..povero Olaf, malato e con la preoccupazione per la figlia..e la strega dovrebbe essere là di fianco al letto a fare perlomeno assistenza morale e invece..non fa neanche il minimo sindacale, manco si occupa della figlia..è un mostro!!

.
GinaR
16.05.2020, 16:06
Grazie Marco
Sì, lei è un mostro. Ha un carattere malissimo. Vuole solo i soldi, vuole solo essere la moglie di un dentista. Ci sono migliaia di cattive storie di cosa ha fatto o di cose che non ha fatto. Olfa si vergogna di sua moglie.
Rosy
16.05.2020, 17:40
Per Regina
Il tuo messaggio è molto ben scritto.:smile:
Io lascerei il carattere " malissimo" perché illustra troppo bene la cattiveria stupida di questa donna.
Ma è un avverbio e in italiano non si può usare al posto di un aggettivo.
aggettivi: ha un carattere perfido/maligno/ pessimo/orribile/ malvagio...
Ecco. Malvagio è l'aggettivo più adatto.
Non si può dire niente di più negativo
Rosy
16.05.2020, 17:44
Marco grazie per gli esercizi . Li ho già fatto ieri sera.
Ti devo una sostanziosa parcella per tutti i tuoi consigli.
Oggi non va malissimo. Ho sempre il dolore ma sto attenta a non fare movimenti bruschi e Peppe mi ha riportato un vassoio di pasticcini solo per me.
GinaR
16.05.2020, 17:52
Grazie Rosella
Grande Peppe
Andrea Maria
16.05.2020, 18:38 (Überarbeitet 16.05.2020, 21:13)
Marco, sarai deludo ma ecco sono i tuoi "santi di gelo". non e' un granche' .pero' :
Secondo un detto contadino il 11 maggio arriva un gran freddo che regna fin al 15 maggio.I santi i cui onomastici sono celebrati in questo periodo (  infatti  secondo il calendario giuliano) sono chiamati "I santi di ghiaccio" ( preferisco pero* "I santi di gelo" ) , anche :
"I signori severi".
Sono molto puntuali ed affidabili , questi signori temuti.I loro nomi  : Mammertius, Pankratius, Servatius ,
Bonifatius e la fredda Sofia.
Ciao, miei cari, mi piace il nostro salotto segreto.
Rosy
17.05.2020, 04:10
per Andrea
Marco, sarai deluSO ma ecco sono i tuoi "santi dEL gelo". non e' un granche' .pero' :
Secondo un detto contadino  L'11 maggio arriva un gran freddo che regna fin al 15 maggio.I santi i cui onomastici sono celebrati in questo periodo (  infatti  secondo il calendario giuliano) sono chiamati "I santi di ghiaccio" ( preferisco pero* "I santi di gelo" ) , anche :
"I signori severi".
Sono molto puntuali ed affidabili , questi signori temuti.I loro nomi  : Mammertius, Pankratius, Servatius ,
Bonifatius e la fredda Sofia.
Ciao, miei cari, mi piace il nostro salotto segreto.
noi abbiamo "i giorni della merla" 30-31 gennaio e 1° febbraio . Sono considerati i giorni più freddi dell'anno.
https://www.filastrocche.it/contenuti/i-giorni-della-merla/   metto questo link così care Regina e Andrea farete molto esercizio di lettura :smile:

e poi c'è l'estate di San Martino. sono i giorni attorno all'11 novembre in cui la temperatura torna mite. proverbio : l'estate di San Martino dura tre giorni e un pochino.

"""La leggenda, infatti, narra che Martino di Tours, durante un inverno particolarmente rigido, si trovasse ad Amiens, in Gallia. Un giorno incontrò un mendicante infreddolito e gli fece dono del suo mantello per scaldarlo. Di fronte a quel nobile gesto, la pioggia dopo pochi istanti smise di cadere, il cielo si aprì e spuntò il sole, facendo diventare la temperatura subito più mite.""""
GinaR
17.05.2020, 05:19
Amici
Per me non è importante che ci sono i santi del gelo, è solo importante che sono passati. Il sentiero è libero per i tempi caldi.
Buona domenica
GinaR
17.05.2020, 05:57
Cosa sono “I giorni della merla“? Perché si chiamano così?
Quella che state leggendo è una storia antica, ma molto affascinante: la leggenda dei tre giorni della merla.

Secondo quello che ci è stato tramandato, sappiamo solo che così venivano chiamati  gli ultimi tre giorni di gennaio, il 29, 30 e 31.
Durante quei giorni, a Milano, ci fu un inverno molto rigido e freddo. Cadde tanta neve bianca e soffice che si era distesa come un candido tappeto su tutte le strade e i tetti della città: il paesaggio era davvero stupendo!

I protagonisti di questa storia sono un merlo, Pasquino, una merla, Nerea e i loro tre figlioletti: Verina, Podino e Sirino. La bella famigliola era arrivata in città verso la fine dell’estate e aveva sistemato il nido su un alto albero nel cortile di un palazzo del quartiere Porta Nuova.

Lì si erano sistemati bene, ma l’inverno era arrivato presto e il freddo era gelido e pungente; per questo Nerea, un giorno, disse a Pasquino: “Il freddo è troppo e la neve è tanta: i nostri piccoli moriranno! Dobbiamo cercare un altro rifugio”.
Così, Pasquino, dopo aver perlustrato la zona, decise di sistemare il nido sotto una grondaia al riparo dalla neve che in quell’anno era particolarmente abbondante. Ogni giorno Pasquino e Nerea si davano il turno per mettersi alla ricerca di cibo per i loro piccoli.
Ma era molto difficile perché il gelo aveva congelato e irrigidito ogni cosa e la neve copriva ogni piccola briciola.

Fu così che un giorno il merlo Pasquino decise di volare nei paesi vicini a Milano, deciso a trovare un rifugio più caldo per la sua famiglia e disse a Nerea: “Volerò ai confini della città, per trovare un posto più accogliente per noi e i nostri piccoli!”.
Intanto, continuava a nevicare e così la merla Nerea, per proteggere i merlottini intirizziti dal freddo e sofferenti per la fame, decise di spostare il nido su un tetto vicino, dove fumava il comignolo di un camino da cui proveniva un po’ di tepore.

Il freddo gelido e tenace durò tre giorni: il 29, il 30 e il 31 gennaio. Quando, dopo questi tre giorni, tornò il merlo Pasquino, quasi quasi non riconosceva più la moglie e gli amati figlioletti perchè erano diventati tutti neri per il fumo che usciva dal comignolo del camino!

Il primo giorno di febbraio fece capolino un pallido sole e uscirono tutti dal nido invernale; anche il capofamiglia Pasquino si era scurito tutto perché aveva dormito tutta la notte  abbracciando teneramente i suoi piccoli e la sua amata Nerea.

Da allora, i merli nacquero tutti neri; i merli bianchi diventarono un’eccezione!
Fu così che gli ultimi tre giorni di gennaio, che di solito sono i più freddi, furono detti i “tre giorni della merla”, per ricordare l’avventura di questa famigliola di merli milanesi.
Andrea Maria
17.05.2020, 09:16
Regina hai   bellissimo raccontato questa storia .sono cosi' impressionata del tuo italiano che non oserò più scrivere piu' di 2 frasi.
Buona domennica a voi.fa freddo.
marco1818
17.05.2020, 09:18
Che bella Rosy la tua storia! Io la conoscevo, ma non così vivace e ricca di particolari, la mia era molto più banale. Mi sono sempre piaciute favole e leggende, orgogliosamente devo dire che sono rimasto il bambino di tanti anni fa.. quando veniva un ospite o un parente a casa nostra la prima cosa che dicevo era: "raccontami una storia!" Ero l'incubo dei miei..e degli ospiti!
E interessante anche la leggenda di Andrea sui santi del gelo..già i nomi sono incredibili, sembrano nomi di maghi o antichi alchimisti, sono splendidi! Grazie amiche!

Da domani l'Italia riparte! Tra mille dubbi, incertezze, contestazioni, litigi, minacce..Mi piacerebbe sapere se anche da voi, in Germania, ci sono tante polemiche..
Come diceva un mio amico: un virus che fa salti di 4 metri al mare, 2 al ristorante, 1,5 al bar, 1 per strada e sull' autobus,.non si era mai visto! jajajajaja!
marco1818
18.05.2020, 09:30
jajaja non avevo guardato bene, preso dal fascino della storia e l'avevo attribuita a Rosy anche perchè era in un italiano perfetto! Mi correggo: brava Regina, mi hai raccontato una bellissima leggenda..che avrai copiato da qualche parte eh eh eh..
Qui fa caldo e si sta bene..oh, ieri sera è apparsa la prima zanzara dell'anno, bisogna festeggiare!!
GinaR
18.05.2020, 10:49
No no, amici non è storia mia.
È di Rosella. Il mio italiano non è per niente così perfetto. Anche se sarebbe bello.

Vi auguro una buona giornata
Andrea Maria
18.05.2020, 10:52
Come :e' di Rosella? L'hai scritto tu o no ?Ci prendi in giro ?:)))
GinaR
18.05.2020, 12:39
Io ho solo copiato il link di Rosella.
Non vorrei " farmi onore con il sole di luglio".....mit fremden Federn schmücken.
Rosy
18.05.2020, 12:41
https://www.filastrocche.it/contenuti/i-giorni-della-merla/  
Io avevo messo questo link per farvi leggere la favola dei giorni della merla in un nell'italiano .
La storia non l'abbiamo scritta né io né Regina.
Regina l'ha copiata per farvela leggere senza cercarla su internet.
In Italia e specie nell'Italia del nord tutti conoscono la leggenda dei tre giorni della merla e ogni nonna e mamma la racconta a modo suo.
Rosy
18.05.2020, 13:19
Per Andrea
Regina hai   raccontato BENISSIMO questa storia .sono cosi' impressionata dAl tuo italiano che non oserò più scrivere piu' di 2 frasi.
Buona domennica a voi.fa freddo.
una piccola correzione.
Andrea Maria
18.05.2020, 13:43 (Überarbeitet 18.05.2020, 13:43)
Due errori in due frasi. Bene. Distribuiti in modo giusto. Da domani ( o da dopodomani?) in poi  mi occupero' severamente della lingua italiana.
Rosy, quale fiore c'e'? E' bello.
marco1818
19.05.2020, 11:41
Per Andrea:
Rosy che fiore è?  Oppure: che fiore è questo?
Tiro ad indovinare: potrebbe essere il fiore del tarassaco? (cicoria selvatica) Vedo una foglia di tarassaco lì vicino, ma non avevo mai visto dei fiori di questa pianta di colore viola..
I 3 giorni della merla a me l'hanno raccontata in versione ridotta.."una colomba aveva freddo per la grande nevicata, si rifugiò in un camino su un tetto e quando ne uscì dopo tre giorni era diventata nera.." Uhm, un po' troppo sintetica per avere fascino, non trovate?
Rosy
19.05.2020, 17:40
Ma non era una colombaaaaa!
Marco non bastano i virus a fare salti di specie?
Adesso fai fare questi salti anche agli uccelli?
Era una merla...... ma bianca!
È da allora che i merli sono neri.
Andrea Maria
19.05.2020, 17:42 (Überarbeitet 19.05.2020, 20:48)
Marco, hai ragione, il fiore che vediamo e` la trasformazione del  dente di leone , cioè un fiore giallo che si trasforma in una sfiera dei semi bianchi ,che volano via nel vento .Da noi si chiama Pusteblume, fiore da soffiare ????? Il fiore di Rosella è un fiore coltivato e perciò è lila . Questo colore, ed anche lo stilo rigido prima mi hanno fatto pensare, che non fosse un fiore ma un pezzo di decorazione-Sono una poverina bambina di campagna, non l`avevo visto mai.
Rosy
20.05.2020, 10:58
Buongiorno caro e care. Veramente non so che fiore sia. È cresciuto spontaneamente negli orti dietro il nostro condominio. Lo trovo molto bello e vorrei cercarlo su internet ma non so se si può fare una ricerca con la foto invece che con il nome.
Chiederò alle mie espertissime figlie.
Buona giornata.:wave:
Rosy
20.05.2020, 11:16
Marco, hai ragione, il fiore che vediamo (????) e` la trasformazione del  dente di leone , cioè un fiore giallo che si trasforma in una sfxera dI semi bianchi ,che volano via nel vento .Da noi si chiama Pusteblume, fiore da soffiare ?????
[da noi si chiama soffione]
 Il fiore di Rosella è un fiore coltivato e perciò è lilLa . Questo colore, ed anche lo stElo rigido prima mi hanno fatto pensare, che non fosse un fiore ma un pezzo di decorazione-Sono una poverina bambina di campagna, non l`avevo visto mai.
Veramente neanch'io l'avevo visto mai!
marco1818
20.05.2020, 12:14
Eh Rosy, i miei erano specialisti in favole brevi per bambini indaffarati raccontate da genitori cui il tempo stringe..per questo mi è piaciuta moltissimo la leggenda come me l'avete raccontata voi..
Anch'io lo chiamo "soffione" e mi divertivo (e mi diverto) a soffiarlo in faccia agli altri..è fatto apposta jajajaja!
Vi ricordate la bardana? E' quella pianta che fa quelle bacche grandi più o meno come una ciliegia con tanti piccoli uncini morbidi, che quando vengono lanciate si attaccano ai vestiti e bisogna strapparle via..noi le chiamavamo "i parenti"..e appena ne trovavamo una iniziava la battaglia!

Antworten

Um im Forum schreiben zu können benötigst du ein Benutzerprofil. Du kannst eins hier kostenlos anlegen und dann sofort loslegen.

Registrieren